I tempi di conservazione degli alimenti refrigerati o congelati

(Last Updated On: Marzo 26, 2020)

La presente guida si propone di  essere utile a chi vuol conoscere quali sono i tempi entro i quali i diversi alimenti possono rimanere refrigerati (nel frigo) o congelati (nel freezer) senza deperire.

Prima di affrintare il problema specifico, sono opportuni alcuni chiarimeti circa i modi di conservazione degli alimenti.

I vari modi conservare di raffreddare gli alimenti

la refrigerazione

La refrigerazione è un processo finalizzato ad abbassare la temperatura ambientale all’interno di un range compreso fra  gli 0°C ed i 10°C.  con lo scopo di rallentare il naturale processo di  deperimento degli alimenti.

Ne consegue che i prodotti refrigerati possono essere consevarti più a lungo dei prodotti che si trovano a temperatura ambiente: Ma non molto più a lungo: di seguito preciseremo meglio cosa intendiamo per “non molto a lungo”.

la congelazione

La congelazione è una tecnica di conservazione dei cibi che si basa sulla solidificazione dell’acqua (ovvero sul suo passaggio dallo stato liquido a quello solido) presente all’interno dei cibi.

Quanto parliamo di congelamento, all’atto pratico è bene distinguere tra il proceso di congelamento in ambito domestico ed il processo in ambito industriale.

Quello domestico avviene a delle temperature che sono comprese tra i -10°C ed i -30°C : questo processo rallenta ma non blocca del tutto il naturale processo di degradazione del cibo.

Ciò accade perché l’acqua,

  • quando si trova allo stato puro, congela a 0°C
  •  quando si lega alle proteine presenti negli alimenti, solidifica a delle temperature ben inferiori a quelle raggiungibili con un congelatore domestico.

Inoltre, in aggiunta a questa limitazione riguardante la temperatura, anche la lentezza con cui avviene l’abbassamento della temperatura in ambito domestico (ovvero la velocità di raffreddamento),

  • fa si che si formino negli alimenti grossi cristalli i quali danneggiano in parte le cellule,
  • e che l’alimento perda molti liquidi.

Nel congelamento in ambito industriale invece la temperatura viene abbattuta dai  -30° fio ai -50°C. In questo contesto si parla di congelamento rapido o surgelazione.

la surgelazione

Surgelato è quell’alimento che (per evitare l’accrescimento dei cristalli di cui abbiamo accennato prima) viene  molto rapidamente portato a delle temperature molto basse (tra -30 ed -50°) e poi vi viene mantenuto.

Nella surgelazione si formano molti cristalli piccoli che non rompono le cellule, per cui al momento dello scongelamento l’alimento riprende il suo aspetto e la propria tessitura, e risulta in tal modo più gradevole.

Il precesso di surgelazione esula dall’oggetto del nostro articolo e noi non ne parleremo in modo specifico. Diciamo solo,

  • che è importante evitare che la temperatura dell’alimento surgelato in qualche momento possa salire al di sopra dei -18 °C ;
  • che  un alimento surgelato una volta portato alla temperatura ambientale, non può essere nuovamente congelato.

Termometro per misurare le temperature degli alimenti

Uno strumento che si rivela molto utile per controllare che gli alimenti vengano conservati alla temperatura corretta è il termomentro con sonda (sonda da poter essere inserita nei cibi).

Questo termometro deve essere accurato a +/-1ºC (ciò significa che quando il termometro mostra che un alimento è ad una temperatura di 5ºC, la temperatura reale potrà essere tra i 4ºC ed i 6ºC).

Se già non possedete un termometro di questa natura, con pochi euro ne potete acquistare uno online.

Last update was on: Settembre 20, 2020 12:00 pm

I tempi utili per la conservazione degli alimenti più comuni, refrigerati o congelati

Rispetto alle temperature-ambiente, gli alimenti possono essere conservati per periodi più lunghi alle temprerature dei frigoriferi e di congelatori. Ma  non per sempre.

Nella tabella sottostante indicheremo i tempi massimi di congelamento e di refrigerazione di vari tipi di alimenti di largo consumo.

TIPOLOGIA DEL CIBO DESCRIZIONE DELL’ALIMENTO REFRIGERAZIONE (a 4 °)  CONGELAZIONE (a -18 ° )

carni di manzo, agnello, maiale, vitello

Manzo fresco, agnello, vitello e maiale carne macinata, in umido, carne varia 1-2 giorni 3-4 mesi
costolette, arrosto, bistecche 3-5 giorni 4-12 mesi
costolette pre-farcite 1 giorno Non si congela bene
Gli avanzi di questi cibi compresi anche quelli in pentola 3-4 giorni 2-3 mesi
La carne in scatola anche quella marinata 5-7 giorni 1 mese
Il bacon salume di suino 7 giorni 1 mese

i prosciutti

Prosciutto cotto a fette 3-4 giorni 1-2 mesi
metà prosciutto 3-5 giorni 1-2 mesi
prosciutto intero 7 giorni 1-2 mesi
Prodotti con l’etichetta “conservare in frigorifero”  già aperti 3-5 giorni 1-2 mesi
chiusi 6-9 mesi Non congelare
Prodotti sottovuoto sigillati, non aperti, con data scadenza data indicata 1-2 mesi
sigillati, non aperti, senza data scadenza 2 settimane 1-2 mesi

pollo, tacchino, altro pollame

Prodotti freschi petto di pollo, pre-farcito 1 giorno Non si congela bene
macinato, polpette, frattaglie 1-2 giorni 3-4 mesi
a pezzi 1-2 giorni 9 mesi
interi 1-2 giorni 1 anno
Gli avanzi di questi cibi in pentola 3-4 giorni 4-6 mesi
bocconcini di pollo, polpette 1-2 giorni 1-3 mesi
in pezzi, semplici o fritti 3-4 giorni 4 mesi
pezzi in brodo, o sugo 3-4 giorni 6 mesi

le uova

Fresche nel guscio 3-5 settimane Non congelare
il tuorlo d’uovo 2-4 giorni 1 anno
Non ancora aperte in pentola, 3-4 giorni Due mesi
ben cotti 10 giorni 1 anno
Gli avanzi di uova uova pastorizzate liquide/ sostituti 1 settimana Non si congela bene
Già aperte uova pastorizzate liquide/ sostituti 3 giorni Non si congela bene

salsicce e carni (per pranzare)

Salame 2-3 settimane 1-2 mesi
Salsiccia cruda manzo, pollo, maiale, tacchino 1-2 giorni 1-2 mesi
Salsiccia affumicata 7 giorni 1-2 mesi
cibi a base di carne cibi preparati in negozio 3-5 giorni 1-2 mesi
prodotti già aperti hot dog 1 settimana 1-2 mesi
pranzo a base di carne sottovuoto, affettato 3-5 giorni 1-2 mesi
salsicce con salsa etichettata “conservare refrigerata” 3 settimane 1-2 mesi
prodotti non ancora aperti hot dog 2 settimane 1-2 mesi
pranzo a base di carne sottovuoto, affettato 2 settimane 1-2 mesi
salsicce con salsa etichettata “conservare refrigerata” 3 mesi 1-2 mesi

i frutti di mare

Freschi pesci 1-2 giorni 3-8 mesi
molluschi 1-2 giorni 3-12 mesi
Avanzi di frutti di mare pesce e crostacei 3-4 giorni 3 mesi

alimenti  vari

cene surgelate e antipasti con l’etichettta “Mantenere congelato” Non sicuro da scongelare 3-4 mesi
Maionese con etichetta “tenere in frigo dopo l’apertura” Due mesi Non congelare
Altre pietanze sugo e brodo di carne 3-4 giorni 2-3 mesi
pizza 3-4 giorni 1-2 mesi
zuppe e stufati 3-4 giorni 2-3 mesi
ripieno 3-4 giorni 1 mese
Insalate Con uova, pollo, prosciutto, tonno 3-5 giorni Non si congela bene

Fonte dei dati: USDA

Ricordiamo infine, che è sconsigliato ricongelare gli alimenti dopo il loro scongelamento.

Co-fondatore, editor di freddoportatile.com. Ingegnere meccanico appassionato di campeggio e montagna.

Compare items
  • Total (0)
Compare